Iscriversi

Il Corso di laurea in Tecniche della Prevenzione nell'Ambiente e nei Luoghi di Lavoro è ad accesso programmato.

Informazioni utili per iscriversi al corso di laurea

Scadenze

Giugno
Pubblicazione Bando di ammissione
Luglio - Agosto
Iscrizione al test di ammissione delle Professioni Sanitarie
Settembre
Prova di ammissione
Fine settembre
Pubblicazione delle graduatorie

Sede Didattica del Corso di Laurea

Possono essere ammessi al Corso di Laurea in Tecniche della Prevenzione nell'Ambiente e nei Luoghi di Lavoro coloro che siano in possesso di un diploma di scuola secondaria superiore di durata quinquennale o di altro titolo di studio conseguito all'estero, riconosciuto idoneo.

Per l'accesso è previsto un test di ammissione e pertanto la selezione è basata sull'esito del test stesso.
Sulla base degli esiti della prova di ammissione, il Consiglio di CDS può determinare obblighi formativi aggiuntivi (OFA), specifici per studente, anche con modalità condivise con altri CDS delle professioni sanitarie dell’Ateneo.
Il numero di studenti ammissibili, i tempi, le modalità e i contenuti del test di ammissione sono determinati annualmente con decreto ministeriale.

Ai sensi del D.Lgs. 81/08 e successive modifiche e integrazioni, ogni studente sarà sottoposto ad accertamento di idoneità psico-fisica allo svolgimento dell'attività dello specifico profilo professionale. La valutazione di non idoneità permanente comporta la decadenza dallo status di studente del Corso di studio.

Il Corso di Laurea in Tecniche della Prevenzione nell'Ambiente e nei Luoghi di Lavoro (TPALL) è professionalizzante, il che significa che l'esame finale fornisce anche l'abilitazione alla professione.
L'obiettivo è quello di preparare adeguatamente all'ingresso nel mondo del lavoro.

Particolare attenzione viene data, nell'ambito degli insegnamenti caratterizzanti e nel tirocinio, alla prevenzione basata sull'evidenza, fornendo ad ogni studente strumenti teorici e pratici che portano all’autonomia professionale e alla capacità di un aggiornamento scientifico autonomo e continuo.

L'obiettivo del Corso è quello di formare figure in grado di :

- controllare gli ambienti di vita e di lavoro, la qualità degli alimenti e delle bevande e l'igiene e sanità veterinaria e formulare pareri nell’ambito delle proprie competenze;
- svolgere attività di verifica, evidenziare le irregolarità rilevate e proporre azioni correttive;
- collaborare con l'amministrazione giudiziaria per indagini sui reati contro il patrimonio ambientale, sulle condizioni di igiene e sicurezza nei luoghi di vita e di lavoro e degli alimenti;
- partecipare ad attività di studio, didattica e di ricerca;
- svolgere attività di consulenza professionale, contribuire alla formazione del personale e concorrere direttamente all’aggiornamento relativo al profilo professionale.

Le esperienze di tirocinio sono volte all’esercizio di attività di vigilanza in ambito di tutela ambientale, igiene e sicurezza degli alimenti e dei luoghi di vita e di lavoro, alla prevenzione di infortuni e malattie professionali e alla formazione del personale operante nei suddetti settori.

Coloro che conseguono la laurea possono svolgere l'attività professionale in strutture pubbliche, come dipendenti del Servizio Sanitario Nazionale, presso i Servizi di Prevenzione e Vigilanza previsti dalla normativa vigente, e in strutture private, come dipendenti o in libera-professione, nei Servizi di Prevenzione e Protezione, di Qualità e Sicurezza Alimentare e Ambientale, di consulenza, assistenza e formazione in materia di igiene e sicurezza alimentare, ambientale e del lavoro.

Coloro che operano nei servizi pubblici con compiti ispettivi e di vigilanza sono, relativamente alle attribuzioni, Ufficiali di Polizia Giudiziaria, e svolgono attività di controllo nelle materie di competenza, nonché attività istruttoria finalizzata al rilascio di autorizzazioni, nulla-osta e pareri tecnico-sanitari per le attività soggette a verifica.

Ultimo aggiornamento il: 23/04/2024